Volterra è sinonimo di alabastro. La provenienza di questo nome è egizia e forse deriva dalla città di Alabastron celebre per la produzione di vasi e anfore per la conservazione dei profumi. Esistono due tipi di alabastro: orientale e gessoso che è quello che viene impiegato nella cittadina pisana in particolare quello estratto dalle cave di Castellina Marittima.

La morbidezza è la sua caratteristica principale per la quale si presta alla creazione di motivi ornamentali ricchi di dettagli. Dal tempo in cui gli etruschi sono passati più di due millenni ma a Volterra si continua ancora a lavorare anche se poche sono le botteghe rimaste nel centro storico di Volterra.