Volterra, laboratorio per la lavorazione dell’alabastro

Laboratorio per la lavorazione dell’alabastro a Volterra

La storia

Volterra è sinonimo di alabastro. La provenienza di questo nome è egizia e forse deriva dalla città di Alabastron celebre per la produzione di vasi e anfore per la conservazione dei profumi. Esistono due tipi di alabastro: orientale e gessoso che è quello che viene impiegato a Volterra in particolare quello estratto dalle cave di Castellina Marittima. La morbidezza è la sua caratteristica principale per la quale si presta alla creazione di motivi ornamentali ricchi di dettagli. Dal tempo in cui gli etruschi sono passati più di due millenni ma a Volterra si continua ancora a lavorare anche se poche sono le botteghe rimaste nel centro storico di Volterra.

Il luogo

Volterra si trova in Toscana nella provincia di Pisa. Per maggiori informazioni sulla storia, i luoghi da visitare, i sapori da scoprire di Volterra collegatevi con il sito del comune di Volterra molto ricco di informazioni.


Cassetto degli Attrezzi

Per la realizzazione dell’immagine panoramica a 360° interattiva di Volterra sono stati utilizzati i seguenti strumenti hardware e software:

DATI DI SCATTO
  1. La foto è stata scattata il 31/05/10 alle ore 16:37:22
  2. 21 fotografie raw (3 esposizioni per ogni posizione della macchina fotografica)
  3. La dimensione dell’immagine equirettangolare finale è di 10.704 x 5.352 pixel
HARDWARE
  1. La macchina fotografica usata è una Nikon D80
  2. L’obiettivo usato è un AF DX Fisheye-Nikkor 10.5mm f/2.8G ED
  3. La testa panoramica utilizzata è la Manfrotto 303 SPH
  4. Il treppiede usato è un Manfrotto 055PRO
SOFTWARE
  1. Lo stitching delle immagini è stato inizialmente fatto con PTMac. Successivamente per le ulteriori elaborazioni è stato usato PTGui.
  2. La fusione delle diverse esposizioni per la realizzazione dell’immagine HDR finale è stata effettuata con Photomatix Pro.
  3. L’ottimizzazione dell’immagine equirettangolare finale è stata fatta con Adobe Photoshop.
  4. Il filmato 360° VR è stato inizialmente effettuato con Realviz Stitcher e poi in seguito con KRPano.
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento