Tour Virtuale Basilica di Saccargia

Sardegna a 360°

Dopo tanto viaggiare fra colline, campagne, pochi alberi, dove lo sguardo è libero di vedere e immaginare, improvvisamente un monumento, e lo sguardo è catturato dalla Chiesa della Santissima Trinità di Saccargia, immagine possente e coinvolgente nelle forme, nei colori, e pensi che il luogo è quantomeno inusuale per la locazione di un’opera di tale fattura, ma a guardarla meglio ti accorgi che non poteva che sorgere in quella parte della Sardegna silenziosa, rispettosa della sacralità, e ancora oggi meta di fedeli che arrivano anche dai comuni limitrofi, a piedi, per recitare i gosos, canti tradizionali rivolti alla Madonna e dedicati alla Pasqua, o per festeggiare la festa annuale che cade sessanta giorni dopo la Pasqua.
Il complesso abbaziale, molto grande, fu fondato dai monaci camaldolesi, e ancora adesso restano alcuni ruderi. Non importa che sia stata oggetto di una ricostruzione quasi integrale ta il 1903 ed il 1906, l’effetto scenografico è straordinario e rimane un gioiello unico nel suo genere, e nonostante sia il monumento meno sardo di tutti, è diventato un’ icona dell’isola e non solo per i sardi.
In effetti è stato difficoltoso per gli studiosi definire esattamente la datazione dell’edificio, ma si ricollega al 1125, per volere del Giudice Costantino I di Laccon e della consorte Marcusa de Gunale, in ottemperanza all’adempimento di un voto.
Cominciarono a costruirla i Pisani nel 1116, e venne completata in due fasi, concludendosi tra il 1180 ed il 1200, quando fu ampliata l’aula e realizzato il campanile insolitamente alto.

Vista esterna della Santissima Trinità di Saccargia a Codrongionos

La Basilica di Saccargia è in stile romanico-pisano e si trova nel comune di Codrongianos in provincia di Sassari nel nord della Sardegna. Il suo completamento risale al 1116 d.C.

Prospetto principale della Basilica di Saccargia in provincia di Sassari

L’edificio è realizzato utilizzando pietra locale, basalto nero e calcare bianco, in modo da creare un effetto cromatico tipico del romanico toscano. La Basilica è lunga 29 m. e larga 6.

Portico di ingresso alla Santissima Trinità di Saccargia

Strana l’origine del suo nome: forse deriva da “s’acca argia”: la vacca maculata scolpita nel capitello laterale sinistro della Chiesa; forse da “sa bacarezza”: la vaccheria, comunque il nome è legato al luogo, ove, nel Medioevo esistevano grandi poderi destinati al pascolo.

Navata nella zona dell’altare con gli affreschi dell’abside

Straordinario e raro nell’ arte romanica sarda il ciclo di affreschi nell’abside che rappresenta scene della vita di Cristo, al centro, nella mandorla ad arcobaleno, l’immagine di Cristo in Maestà. Gli affreschi nell’abside hanno influenze bizantine e sono rari esempi pittorici della Sardegna del Duecento.

Cappella nel transetto

La pianta della Chiesa è a croce latina con una sola navata centrale che termina in un transetto su cui si affacciano due cappelle con volte a crociera.

Abside della Santissima Trinità di Saccargia a Codrongianos

Il prospetto posteriore è dominato dal campanile di 40 metri che mantiene la successione dei conci bianchi e neri.

Anno

2008

Virtual Tour

Codrongianos (SS)

Luogo

Sardegna

Tour Virtuale Basilica di Saccargia

Mappa di Google con i punti che costituiscono il tour virtuale

Il tuo mondo a 360°

Alcuni dei Tour Virtuali made @THINKlab360

Baluardo San Martino Mura di Lucca
Cava Tavolini A
Chiesa di San Francesco a Lodi
Prospetto principale della Banca su via Polenghi Lombardo al tramonto
Piazza Rosmini Rovereto
Sant'Antioco di Bisarcio - Ozieri (SS)
Piazza Vetrata vista notturna, MART

Newsletter

Per conoscere di più la nostra attività iscrivetevi alla vostra newsletter 🙂

Questo modulo di contatto è disattivato perché l’utente ha rifiutato di accettare il servizio Google reCaptcha, necessario per convalidare i messaggi inviati dal modulo.