Piazza dei Miracoli a Pisa

Immagine panoramica a 360° di Piazza dei Miracoli a Pisa

La storia

P

piazza dei Miracoli a Pisa è caratterizzata dalla presenza della celeberrima torre pendente nota ed ammirata in tutto il mondo per la sua eleganza architettonica e per la pendenza. La torre di Pisa risale al 1173 ed il suo progetto è attribuito a Bonanno come si evince da un’urna ritrovata nel corso di alcuni scavi condotti nel secolo XIX alla base del campanile. Gli studiosi pensano al celebre ed omonimo scultore pisano autore delle porte di bronzo del vicino Duomo di cui la torre è il Campanile.

I primi cedimenti del terreno si manifestarono nel 1185 a soli 12 anni dall’inizio della costruzione e costrinse all’interruzione dei lavori all’altezza della metà del terzo piano. La costruzione riprende nel 1275 e si conclude nella seconda metà del XIV secolo. La torre ha pianta circolare e presenta il tema delle leggette ad archi su colonne uno degli elementi che contraddistinguono il romanico pisano. Nel corso degli ultimi anni la torre è stata oggetto di interventi per stabilizzare il terreno che hanno diminuito la pendenza del campanile. Il fenomeno del cedimento del terreno riguarda anche altri campanili pisani come quelli delle chiese di San Michele agli Scalzi e di San Nicola.

Il luogo

Piazza dei Miracoli si trova nel nord della Toscana nella citta di Pisa.


Cassetto degli Attrezzi

Per la realizzazione dell’immagine panoramica a 360° interattiva di Piazza dei Miracoli a Pisa sono stati utilizzati i seguenti strumenti hardware e software:

DATI DI SCATTO
  1. La foto è stata scattata il 23/04/2007 alle ore 09:31:30
  2. 7 fotografie raw
  3. La dimensione dell’immagine equirettangolare finale è di 8.000 x 4.000 pixel
HARDWARE
  1. La macchina fotografica usata è una Nikon D80
  2. L’obiettivo usato è un AF DX Fisheye-Nikkor 10.5mm f/2.8G ED
  3. La testa panoramica utilizzata è la Manfrotto 303 SPH
  4. Il treppiede usato è un Manfrotto 055PRO
SOFTWARE
  1. Lo stitching delle immagini è stato inizialmente fatto con PTMac.
  2. L’ottimizzazione dell’immagine equirettangolare finale è stata fatta con Adobe Photoshop.
  3. Il filmato 360° VR è stato inizialmente effettuato con Realviz Stitcher e poi in seguito con KRPano.
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento